Loredana Lecciso si riprende Al Bano: pace fatta

Pace fatta tra Loredana Lecciso e Albano Carrisi. Il settimanale Spy, in edicola da venerdì, ha intercettato la coppia in un hotel milanese durante un incontro segreto dopo la rottura di Natale, quando lei si era trasferita dal fratello a Pavia, lontano da Cellino.

al_bano_loredana,P20lecciso,P20rita_dalla_chiesa_ha_fatto_bene,P20lasciare,P20foto,P20video,P2027,P20gennaio,P202018_27101215.jpg.pagespeed.ce.ekzhBR_wJ4

Al Bano, rientrato da un tour in Australia, dove si era fatto accompagnare dai figli Jasine e Bido, ha incontrato Loredana a Milano. I due si sarebbero chiariti e gli animi si sarebbero rasserenati dopo la bufera dei mesi scorsi, anche in nome dell’amore per i figli. “Sono un uomo di pace” ha detto spesso Albano Carrisi per giustificare la propria volontà di non intervenire sulle vicende che riguardano Loredana e Romina. Ma questa volta la Lecciso è più vicina a riprendersi il cantante.

Francesco Monte, Magnolia: “Nessuna prova sugli spinelli all’Isola dei Famosi”

Su Leggo.it continuano gli aggiornamenti relativi al caso “Cannagate” all’Isola dei Famosi. Magnolia, società produttrice del programma, in una nota riferisce di “avere appreso da organi di informazione che alcuni partecipanti, una volta rientrati in Italia, avrebbero dato credito alle dichiarazioni della signora Eva Henger riportate nelle scorse settimane dai media, secondo le quali, prima dell’inizio del gioco, uno dei partecipanti si sarebbe procurato e avrebbe fumato ‘spinelli'”.

xEva-Henger-e-Monte.jpg.pagespeed.ic.1NBHoay5Z6

Qualora queste dichiarazioni fossero confermate, Magnolia fa sapere che prenderà le debite distanze e sottolinea che la versione dell’ex pornostar è stata più volte contraddetta da altri partecipanti rientrati dal gioco.
“La produzione – spiega Magnolia – ha esaminato il materiale video e ha sentito il personale presente in Honduras e non è emersa alcuna evidenza che siano state consumate droghe e, a maggior ragione, che il personale avesse conoscenza di una simile circostanza, che, per inciso, è indipendente dal programma e ininfluente sul meccanismo del gioco”.
“La produzione – conclude la società di produzione – si riserva ogni ulteriore accertamento e tutelerà le proprie ragioni in caso di dichiarazioni che risultino lesive di Magnolia o che determinino discredito sull’operato del personale della produzione e sul programma”.

Corona esce dal carcere, va in comunità ma potrà dormire a casa. “Contento, ma 16 mesi sono troppi”

«Sono contento di essere uscito, ringrazio il magistrato, ma sono anche incazzato per la fatica, perché ci sono voluti 16 mesi ad ottenere ciò». Sono le prime parole di Fabrizio Corona, uscito dal carcere milanese di San Vittore dopo la decisione del Tribunale di Sorveglianza, riferite dal suo legale, l’avvocato Ivano Chiesa. Il difensore ha fatto notare anche lui la «fatica» per ottenere la scarcerazione. «Potevano bastare 16 giorni non 16 mesi», ha detto.

FabrizioCorona

Il legale ha spiegato che a Corona il giudice ha concesso un «affidamento terapeutico semiterritoriale», ossia da mattina a sera dovrà restare nella comunità di Limbiate e poi potrà tornare a casa a dormire, mentre «la domenica dovrà restare in casa». Nelle prescrizioni il giudice ha vietato all’ex ‘fotografo dei vip’ di «usare i social, di telefonare ad altre persone» che non siano i suoi legali e i familiari, «di rilasciare interviste e di diffondere immagini». Il legale ha sottolineato che Corona, come ribadisce ormai da tempo, «è un altro uomo, ha una maggiore consapevolezza e in questi anni ha pagato 8 milioni di euro di tasse».
Il 27 marzo prossimo ci sarà un’udienza davanti al Tribunale di Sorveglianza in composizione collegiale per discutere la conferma del provvedimento di oggi, ma anche la richiesta della difesa (è assistito dai legali Antonella Calcaterra e Luca Sirotti) di revocare la decisione con cui i giudici, mesi fa, gli tolsero l’affidamento in prova. «Corona – ha spiegato Chiesa – ha già scontato 5 anni e 5 mesi sugli 8 anni e 8 mesi di cumulo totale delle pene e se la Sorveglianza dovesse revocare quel provvedimento gli rimarrebbero da scontare due anni».

FINE DELL’INCUBO? Si avvicina la fine dell’incubo per Fabrizio Corona? L’ex “re dei paparazzi” uscirà dal carcere per tornare in una comunità terapeutica, secondo quanto ha deciso il tribunale di sorveglianza di Milano, che gli ha concesso l’affidamento in una comunità a Limbiate, nel milanese. Il giudice della Sorveglianza di Milano, Simone Luerti, accogliendo un’istanza del legale dell’ex agente fotografico, l’avvocato Antonella Calcaterra, ha concesso l’affidamento provvisorio e terapeutico in una comunità.
I suoi legali hanno sempre messo in luce, infatti, il suo stato di ex tossicodipendente da cocaina. La stessa richiesta, che in quel caso però riguardava una comunità nel Bresciano, era stata respinta lo scorso 13 settembre da un altro giudice della Sorveglianza, Beatrice Crosti.
Ora il provvedimento emesso, che permette a Corona di uscire già oggi da San Vittore, dovrà essere, però, confermato in un’udienza davanti a un collegio della Sorveglianza a fine marzo. Il giudice Crosti aveva deciso mesi fa che l’ex ‘re dei paparazzi’ doveva rimanere in carcere, dato che, scriveva, ci sono «concreti elementi» che testimoniano la sua «attuale pericolosità sociale».

DEVE SCONTARE ANCORA 4 ANNI. Corona era tornato in carcere nell’ottobre del 2016 per l’ormai nota vicenda dei contanti per circa 1,7 milioni di euro trovati in un controsoffitto: con la sentenza di condanna ad un solo anno e con la quale, però, era caduta l’accusa principale di intestazione fittizia di beni, era stata anche revocata l’ordinanza cautelare. Dopo l’arresto, ad ogni modo, la Sorveglianza aveva revocato l’affidamento in prova ai servizi sociali che era stato concesso, dopo anni di carcere, all’ex ‘fotografo dei vip’ nel giugno 2015.
Corona era prima andato nella comunità di Don Antonio Mazzi e poi era tornato a casa sua con la concessione dell’affidamento «sul territorio», fino al nuovo arresto. Ora continuerà il suo percorso in affidamento terapeutico in un’altra comunità. Il suo «fine pena», come risultava dall’ultimo provvedimento della Sorveglianza di settembre, è previsto per il 15 febbraio 2022 e, quindi, a fronte di un cumulo di pene per le varie condanne di 8 anni e 8 mesi, deve espiare ancora circa 4 anni.

PUÒ DORMIRE A CASA SUA MA USCIRE SOLO PER ANDARE IN COMUNITÀ. Fabrizio Corona potrà dormire nella sua abitazione di via De Cristoforis, zona della movida milanese, dalla quale però potrà uscire soltanto per recarsi nella comunità per seguire il percorso terapeutico e psicologico, ha stabilito il tribunale di sorveglianza di Milano. La casa dell’ex re dei paparazzi è stata sequestrata nei mesi scorsi dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Milano ma, da quanto si è saputo, ora l’amministrazione giudiziaria ha deciso di affittarla e l’avrebbe affittata la fidanzata dell’ex agente fotografico, Silvia Provvedi, del duo musicale Le Donatella.

Medico accusato di ipnotizzare pazienti per violentarle, la moglie a Pomeriggio 5: “Non è in grado di farlo”

A Pomeriggio 5 arriva il caso del medico di base di Alba, Marco Vito Surdo, agli arresti domicialiari per presunte violenze sessuali alle pazienti dopo averle ipnotizzate. Il medico raggiunto al citofono dall’inviata della trasmissione, risponde che non può parlare essendo in stato di arresto.

3560931_1943_medico_moglie_ipnosi_pomeriggio5

È la moglie, intercettata in macchina, a dare la sua versione dei fatti: “Mio marito è innocente, non è in grado neanche di ipnotizzare. A causa di questa vicenda non stiamo bene né noi né lui”. Parla anche un medico amico di Surdo: “Nessuno sotto ipnosi fa cose che non farebbe normalmente”.

LA VICENDA
Avrebbe ipnotizzato le pazienti per poi abusare di loro. Un medico di 56 anni di Alba, Marco Vito Surdo è stato arrestato dalla sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Asti e dai militari della Compagnia Carabinieri di Alba. Ora si trova agli arresti domiciliari, a seguito dell’ordinanza emessa dal gip del tribunale di Asti Federico Belli.
Al medico vengono contestati diversi episodi di violenza sessuale, compiuti dal 2012 al 2016, nei confronti di almeno tre giovani pazienti. Le indagini, dirette dal pm Delia Boschetto, erano state avviate nel 2016. Poliziotti e carabinieri hanno “sentito persone informate sui fatti, eseguito intercettazioni telefoniche ed effettuato perquisizioni domiciliari, facendo emergere elementi di riscontro alle ipotesi di reato contestate” spiega la procura in una nota. Tutta l’attività investigativa era partita da una prima querela sporta da una donna che aveva denunciato di aver subito atti sessuali contro la propria volontà.

Stabile senza luce e riscaldamenti da 3 settimane, inquilini a Striscia la Notizia: “Aiutateci”

A Striscia la Notizia, la vicenda di un gruppo di inquilini di uno stabile a Ostia (Roma) che sarebbero costretti da 3 settimane a vivere senza luce e senza riscaldamenti.
L’inviato Jimmy Ghione intervista una delle inquiline, Noemi, che racconta la vicenda:

Schermata 2018-02-20 alle 21.01.45_20210216 (1)

“A causa dello scoppio dei tubi dei termosifoni, siamo senza luce e senza riscaldamento e per poter avere almeno una lucina la sera ci siamo dovuti attaccare alla corrente delle scale”.

Non è tutto. Sarebbe caduta una parte del cornicione e in uno degli appartamenti senza elettricità starebbe per nascere una bambina. Conclude Noemi: “Aiutateci, non possiamo vivere così”.

Giulia Bevilacqua sfida Alessia Marcuzzi: “Con È arrivata la felicità 2 batterò la tua Isola”

L’attrice che nella serie tv di Rai1 interpreta Valeria Camilli va in onda ‘contro’ l’amica Alessia Marcuzzi, alla guida del reality show di Canale 5. Chi vincerà il duello?
“Cara Alessia Marcuzzi, sappi che non ti temo! Sei molto bella, sei molto brava ma io con questa serie tv ti batterò”. Con queste parole Giulia Bevilacqua attraverso i microfoni di Funweek lancia scherzosamente la sfida alla sua amica Alessia Marcuzzi, in occasione dello scontro di stasera tra È arrivata la felicità 2 (la conferenza stampa) e

giuliabevilacquabackstage_640_ori_crop_master__0x0_640x360

L’Isola dei famosi. L’attrice nella serie di Rai1, firmata da Ivan Cotroneo, Monica Rametta e Stefano Bises, diretta da Francesco Vicario e prodotta Rai Fiction con Publispei di Verdiana Bixio, interpreta Valeria Camilli, mentre la conduttrice sarà come di consueto al timone del reality di Canale 5 (da due settimane spostatosi in palinsesto al martedì per evitare Il Commissario Montalbano).
In apertura di articolo trovate il video integrale dell’intervista (con il messaggio rivolto alla Marcuzzi), mentre di seguito potete leggere quello che succederà al personaggio interpretato dall’attrice. Ricordiamo che la protagonista di È arrivata la felicità è Claudia Pandolfi, alla quale nei giorni scorsi abbiamo chiesto di chiarire quanto accaduto a Sanremo con Michelle Hunziker.

È arrivata la felicità 2, Giulia Bevilacqua è Valeria Camilli.
Un nuovo lavoro in libreria, insieme ad Angelica e Francesca, un matrimonio e un altro bambino in arrivo. Dopo aver suggellato l’amore con Rita, sua compagna da molti anni, Valeria desidera assaporare pienamente la sua nuova vita matrimoniale insieme al piccolo Giuseppe jr. e ad una nuova bambina in arrivo. Le cose non potrebbero andare meglio se non fosse per la notizia della malattia di Angelica, che naturalmente preoccupa Valeria, ma le due sono sempre state molto unite e anche questa volta il loro legame è un punto di forza. Non sarà, infatti, la malattia di Angelica a far vacillare Valeria, bensì l’arrivo di un nuovo personaggio: dopo dieci anni di assenza in città è tornato Luca, il primo fidanzato di Rita, che ha trascorso gli ultimi anni a Madrid.