Amalie, da anoressica a star dei social: la guarigione in diretta su Instagram

Pasto dopo pasto, foto dopo foto Amalie Lee, ventenne norvegese, ha iniziato ad amarsi di nuovo: caduta nel vortice dell’anoressia, su internet ha trovato sostegno per uscirne dopo aver condiviso la sua voglia di recuperare.
Adesso, a tre anni dall’inizio della malattia, è diventata una piccola star del web, capace di aiutare chi si è trovato a lottare con i suoi stessi problemi: oltre 50mila persone seguono il profilo Instagram dove Amalie pubblica giornalmente tutto ciò che mangia e l’evoluzione del suo fisico.

20150828_105402_article_blogger_5_0827

Oggi il disturbo alimentare sembra solo un brutto ricordo, ma appena tre anni fa la vita di Amalie stava precipitando verso l’abisso. «Ho attraversato una fase depressiva in adolescenza – ha raccontato la ragazza – Volevo solo scomparire. Mi davo delle bizzarre regole, volevo tenere tutto maniacalmente sotto controllo, soprattutto il mio peso: la verità è che il controllo lo stavo perdendo.

Ho iniziato a dimagrire, ho raggiunto un livello tale che mi si prospettava solo l’ipotesi di un ricovero. Non c’è stato un momento magico in cui ho pensato che dovevo farla finita, ma le piccole cose giornaliere mi stavano diventando impossibili e mi stavo isolando: il pensiero di passare il resto della mia vita da sola, del tutto consumata da una malattia, alla fine è diventato la paura più grande. Da lì è iniziato il mio recupero: non volevo essere “la ragazza anoressica”, volevo essere me stessa, ero malata ed ero stanca di esserlo».
Così per Amalie è iniziata la dura e lenta china della guarigione: giorno dopo giorno ha iniziato a documentare i suoi progressi sul blog “Letsrecover” per aiutare altre persone che soffrono di disturbi alimentari a rimettersi in piedi.

20150828_105402_article_blogger_8_0827

Oltre alla pagina personale ha iniziato a pubblicare su Instagram le foto dei suoi pasti e del suo corpo che ricominciava a riprendere forma: adesso, a tre anni di distanza dall’inizio della malattia, ha oltre 50mila follower ed è diventata un esempio virtuoso da seguire.
«Dovrei assumere 3mila calorie al giorno per prendere mezzo chilo la settimana – ha detto Amalie – Le immagini di cibo sano e i messaggi motivazionali stanno aiutando tante persone. I miei follower sono incredibili e li vedo come amici. Molti mi hanno seguito fin dall’inizio dandomi molta forza e adesso è così strano guardarsi indietro e vedere quanta strada è stata fatta». Ora Amalie ha ripreso in mano la sua vita, studia psicologia a Londra ed è circondata di amici non solo virtuali: l’incubo è archiviato per sempre.

Claudia Schiffer, i 45 anni della top model che divenne sinonimo di bellezza

Per più di un decennio il suo nome è stato il paradigma della bellezza. Bionda e statuaria, Claudia Schiffer è tra le top model degli anni 90 quella che forse più è entrata nel mito e oggi compie 45 anni. Abbandonato il mondo della moda nel 2009, oggi Claudia, oltre che mamma di tre figli, è impegnata in cause umanitarie e nel 2011 ha lanciato una propria linea di maglieria.

C_4_foto_1377050_image

Nata a Rheinberg il 25 agosto del 1970, Claudia è stata un avvocato mancato. Il suo desiderio più grande infatti sarebbe stato quello di seguire le orme di papà Gudrun. Buon per il resto del mondo che le cose siano andate diversamente. Il merito va al capo di un’importante agenzia di modelle che un giorno, nel 1987, la nota a Dusseldorf e la convince a buttarsi nel mondo della moda. Con quel fisico e quel fascino Claudia non ci impiega molto a fare il salto di qualità, che arriva a fine anni 80 quando Karl Lagerfeld decide che sarà lei il nuovo volto di Chanel.
Se gli anni 90 sono stati gli anni delle super top model, Claudia è stata la regina, anche se qualche sua collega ha avuto una carriera più lunga. La sua fama travalica il mondo della moda e, tra numerosi spot televisivi e qualche video musicale (Bon Jovi per esempio), il suo nome diventa sinonimo di bellezza e lei il paradigma a cui tutte si rifanno. A completare l’immagine di personaggio top manca l’amore celebre, ma ben presto arriva anche quello. E’ il mago illusionista David Copperfield, al quale rimane legate per molti anni. Amore celebre ma non quello della vita. Quello arriva nelle vesti del produttore Matthew Vaughn. Un matrimonio, nel 2002, e tre figli.
Gli anni avanzano e la vita privata prende sempre più spazio. Così nel 2009 Claudia dice addio alle passerelle. Non alla bellezza, di cui resta un simbolo ogni volta che si presenta a un evento pubblico o che presta il proprio volto a una campagna pubblicitaria. Per il resto si dedica all’impegno sociale, con l’Unicef. Perché evidentemente Claudia non è solo bella fuori.

Bevande che non fanno ingrassare? Ecco le migliori

D’estate fa caldo, questo lo sappiamo, e se per caso ce ne fossimo dimenticate per un momento, c’è il sudore a ricordarcelo, che nostro malgrado, scende inesorabilmente sul nostro viso.
L’esigenza di bere diventa urgenza, ma cosa bere? L’acqua fa bene, però dopo un po’ ci stanca e allora, la tentazioni di avvicinarsi alle bibite gasate diventa incontenibile. Ma il rischio per la nostra linea e i nostri denti, cresce, perché questo tipo di bibite contengono molti zuccheri.

bere-acqua-fa-bene

Cerchiamo dunque di orientaci verso bevande dissetanti che non facciano ingrassare.

Ecco cosa scegliere quando la sete incombe:

Tè e succhi di frutta. Il tè industriale in bottiglia e i succhi di frutta contengono una quantità di zucchero elevatissima. Dunque cerchiamo di berne un bicchiere ogni tanto, senza abusarne. Prendiamo invece l’abitudine di prepararlo in casa. Possiamo aggiungere un cucchiaio di fruttosio e del limone. Mettiamo in frigo e la freschezza è assicurata.

Centrifugati e frullati. Ideali per i bambini e anziani, il centrifugato o il frullato, è una fonte preziosa di vitamine, sali minerali ed energia. È anche un ottimo surrogato del pranzo, magari insieme ad un tramezzino. Sperimentate dei mix a base di carote, pomodori, rape e frutti rossi, per aiutare la tintarella e dare sollievo alla circolazione.

Aperitivi. Nota dolente di tutti noi, magari contiamo le calorie dei cibi tutto il giorno e, all’ora dell’aperitivo, ingurgitiamo e beviamo di tutto. Attenzione! Da evitare assolutamente i superalcolici e i cocktail a base di bevande piene di zucchero. Ordiniamo invece una spremuta di arancia! È ricchissima di vitamine, minerali e aiuta l’idratazione. Per renderla più frizzante, possiamo aggiungere due dita di prosecco, ma niente di più.

Tisane. Ormai nei negozi specializzati ne esistono di tutti i tipi e fragranze, e d’estate le possiamo personalizzare con dell’ottima frutta fresca come fragole, mirtilli, cocco e radice di zenzero, importantissimo per ridurre i livelli di colesterolo.

Acqua. Infine l’acqua, che è sempre la miglior cosa. Disseta, contribuisce all’idratazione dell’epidermide, elimina le tossine e, fa dimagrire. Quando arriviamo accaldate a casa o in un bar prima di ordinare qualsiasi cosa, prendiamo magari un bicchiere d’acqua, e probabilmente poi ci sentiremo tanto appagate, da non voler altro. Alcuni studi hanno dimostrato che l’abitudine di bere due bicchieri d’acqua prima dei pasti permette di aumentare il senso di sazietà e contribuisce al dimagrimento. D’estate possiamo variare scegliendo l’acqua frizzante e una fetta di limone o di pesca, la semplice acqua si trasformerà così in una bibita rinfrescante.

Elizaveta, la modella di 25 anni che sfida il cancro su Instagram

La modella canadese Elizaveta Lowicz Bulokhova, 25 anni, ammalata di cancro e resa calva della chemio, non ha mai rinunciato a postare le sue foto su Instagram, spesso in compagnia del marito e del figlio.

Elizaveta-Lowicz-Bulokhova-Foto-Instagram-11Proprio per portare avanti la gravidanza, la modella si era sottoposta a un’intervento di 16 ore per asportare il tumore osseo alla mandibola e durante la gestazione aveva sospeso la chemioterapia.

Tatuaggi, il 18% è contaminato da germi e funghi: scatta il divieto per pigmenti a rischio

Giro di vite del ministero della Salute sui prodotti per tatuaggi. Secondo le indagini condotte su un campione prelevato dai carabinieri del Nas, il 18% delle sostanze usate per realizzare tattoo risulta contaminato da microbi e funghi.

33202417Il dicastero ha quindi disposto un provvedimento temporaneo che vieta la vendita e l’utilizzo dei pigmenti non conformi, con richiesta di campionamento ufficiale per le analisi in contraddittorio.
Le indagini – informa il ministero – sono state richieste dalla Direzione generale della prevenzione a seguito di quelle già condotte dall’Istituto superiore di sanità, su 350 campioni di pigmenti per tatuaggio, per accertare la sterilità e valutare le metodiche di sterilizzazione da parte delle aziende produttrici.
L’incarico di procedere al prelevamento dei campioni è stato affidato ai Nas che li stanno effettuando su tutto il territorio nazionale attraverso i comandi di Milano, Torino, Alessandria, Padova, Bologna, Parma, Pescara, Roma, Latina, Napoli, Bari e Palermo. Al momento, su 169 campioni prelevati, 29 sono risultati contaminati. Le operazioni sono ancora in corso.

Troppa bellezza rende gli uomini stupidi: “Decisioni irrazionali se lei è il top”

La vita delle donne belle è più facile rispetto a quella di chi non lo è? Una credenza diffusa, che adesso trova un fondamento scientifico riscontrato in uno studio dell’Università cinese di Zhejiang. In particolare, l’aspetto gradevole di una donna avrebbe un forte impatto sulle decisioni maschili, alterandone la razionalità.

20150803_bella-cotton_242687a92318af2e0e221797c614389fLo studio cinese si è svolto in due fasi. In un primo momento a un campione di 20 uomini è stato chiesto di giudicare le foto di 300 donne e selezionarle come “attraenti” o “non attraenti”.
Poi, gli uomini hanno partecipato ad un gioco per pc in coppia, una volta con una “bella” e una volta con una “brutta”. Il gioco consisteva nel suddividere equamente una somma di denaro. Il risultato? le donne belle hanno ottenuto il 90% di denaro in più rispetto alle concorrenti.